Crea sito

Memorie di una Pandemia #9

di

Memorie di una Pandemia #9

Covid-19
ossia
Come Ostentare Vite Interessanti Daddentro 

 

Ora, non voglio fare necessariamente polemica, che poi neanche è vero… Io VOGLIO fare polemica mannaggiallaputtana!

Qualcuno mi spieghi per quale stramaledetto motivo ogni giorno che il Signore manda in terra – qualunque Signore voi crediate, me ne sbatto – dalle 18,00 alle 19,00 c’è un inferno di gente in giro. Soprattutto considerando che l’età media de st’emerite teste di cazzo è dai 60 ai 90!

COVID, morte, dolore, sofferenza… Niente li ferma! Alle 18,00 stacco dal lavoro e scendo – pure di corsa! -, una volta a settimana per recarmi random in farmacia, negozio per animali, supermercato… prendetene uno dal mazzo ed ecco, in quel stracazzo di luogo ci saranno MINIMO 20 persone in fila. Precisamente in quell’ora, quell’unica ora che posso sfruttare per recuperare quello che mi abbisogna in settimana. Sempre.

Ma non è possibile! Cazzo fate tutto il giorno?

Nessuno lavora, tutti in cassa integrazione e se non sono in cassa integrazione a quell’età sono in pensione.

P.E.N.S.I.O.N.E! ! !

Che ci fate in giro a quell’ora? Create il panico perché quella è l’ora in cui chi lavora tutta la settimana deve sfruttare per le emergenze, e non è statisticamente possibile che ogni volta voi, cazzo di vecchiacci, siate fuori a ciarlare in coda.

Essì che all’inizio tutti a preoccuparci per voi, la parte debole, le vittime preferite del COVID19. E invece i ragazzini sono finiti murati in casa per due mesi – gli untori! – e voi scorrazzate come boss della mala e ve ne fottete se siamo tutti al gabbio principalmente per non spedire voi al campo santo. Complimentoni, molto maturo da parte vostra.

Ma io vi prendo, vi stacco l mascherina dal viso e vi lancio in mezzo a un branco di allergici, quantomeno a furia di starnuti vi prende un coccolone dallo spavento. Brutti stronzi egoisti.

#vecchiacci #covid19 #sempreingiro 

 

Zerocalcare docet

di

“Va be’ famo che tutto quello che ci siamo detti durante questa Quarantena non vale.
Mo’ famo finta che è stata una grande sbronza collettiva e tutto quello che ci siamo detti in Quarantena rimane in Quarantena” (cit.)

Memorie di una Pandemia #7

di

Memorie di una Pandemia #7

Covid-19
ossia
Come Ostentare Vite Interessanti Daddentro 

 

Dopo un primo momento di forte emozione e gran voglia di dire – urlare! – al mondo quello che pensavo riguardo questa fottuta pandemia, onestamente ho passato una bella settimana di rifiuto.

Rifiuto delle persone, rifiuto delle informazioni e rifiuto di quello che avrei potuto dire o pensare. Semplicemente non ho ritenuto fosse indispensabile aggiungere la mia voce al coro di tuttologi che si sono risvegliati dal letargo invernale e hanno iniziato a brulicare nel web. Tutti medici, economisti, politici e infettivologi.

Il problema, però, è che così facendo ho perso contatto su quando la situazione ci stesse sfuggendo di mano, da tutti i punti di vista, e mi sono ritrovata ad urlare contro Conte al termine del bollettino delle 18.00. Con la gastrite.

Eccomi quindi a tornare nel magnifico mondo del web, torno a scrivere, perché è sempre meglio di ritrovarsi a twittare al Presidente del Consiglio dei Ministri che è un emerito coglione!

Gente, preferisco scassare le balle a voi che beccarmi un denuncia per diffamazione o calunnia.

#twitter #cov19 #ConteCoglione #ritornoalpresente

 

Memorie di una Pandemia #6

di

Memorie di una Pandemia #6

Covid-19
ossia
Come Ostentare Vite Interessanti Daddentro 

 

Se devo essere onesta, in questo preciso momento devo parte della mia sanità mentale – la % residua – ai miei animali.
Un po’ perché mi consentono di non passare le mie giornate a parlare – inveire – unicamente con il PC, ma soprattutto perché sopportano stoicamente tutte le volte che do fuori di testa e li uso un po’ come antistress…
Quando accade spariscono per un po’ per poi tornare con quell’aria perplessa, come a dire “Sei tornata in zucca o ti dobbiamo sfregiare la faccia, umana?“.
Ebbene, in quel momento mi faccio una risata, gli regalo un po’ di coccole e il mondo si raddrizza un po’.
Anche solo un pochino.

#mycats #lovepuppy #DelirioStyle #MariolinoTheTop