Crea sito

book

Avrei tanto desiderato…

di

“Avrei tanto desiderato che tutto ciò non fosse accaduto ai miei giorni!”, esclamò Frodo.
“Anch’io”, annuì Gandalf, “come d’altronde tutti coloro che vivono questi avvenimenti. Ma non tocca a noi scegliere. Tutto ciò che possiamo decidere è come disporre del tempo che ci è dato.”
– Il Signore degli anelli, J.R.R. Tolkien

2020 Reading Challenge

di

2020 Reading Challenge

 

2020 Reading Challenge

2020 Reading Challenge
Debora has
read 9 books toward
her goal of
50 books.
hide

 

Jane Eyre
Piccole Donne
Orgoglio e pregiudizio
Macana
Cariño
Tres
Pardus
Hyperversum Unknown
Tempesta di Guerra
Volk



Debora M | Nasreen’s favorite books »

Oceano Mare – Alessandro Baricco

di

Non è che la vita vada come tu te la immagini. Fa la sua strada. E tu la tua. Io non è che volevo essere felice, questo no. Volevo… salvarmi, ecco: salvarmi. Ma ho capito tardi da che parte bisognava andare: dalla parte dei desideri. Uno si aspetta che siano altre cose a salvare la gente: il dovere, l’onestà, essere buoni, essere giusti. No. Sono i desideri che salvano. Sono l’unica cosa vera. Tu stai con loro, e ti salverai. Però troppo tardi l’ho capito. Se le dai tempo, alla vita, lei si rigira in un modo strano, inesorabile: e tu ti accorgi che a quel punto non puoi desiderare qualcosa senza farti del male. E’ lì che salta tutto, non c’è verso di scappare, più ti agiti più si ingarbuglia la rete, più ti ribelli più ti ferisci. Non se ne esce. Quando era troppo tardi, io ho iniziato a desiderare. Con tutta la forza che avevo. Mi sono fatta tanto di quel male che tu non puoi nemmeno immaginare.- Oceano Mare (Alessandro Baricco)

Storia di una Ladra di Libri di Markus Zusak

di

Al termine di quel giorno, Liesel andò a casa con Rudy e gli altri fratelli Steiner. Nei pressi della Himmelstrasse, una tempesta di pensieri si scatenò nella sua testa: il fiasco della recitazione del Manuale del necroforo, la distruzione della sua famiglia, l’umiliazione di quella giornata… Si accucciò nel rigagnolo, scoppiando in lacrime. Tutto riconduceva sempre al punto di partenza.
Rudy le rimase accanto, a occhi bassi.
Si mise a piovere forte.
Kurt Steiner li chiamò, ma nessuno dei due si mosse. Una sedeva disperata sotto la pioggia, l’altro, in piedi al suo fianco, aspettava.
– Perché doveva morire? – domandò Liesel, ma ancora una volta Rudy non fece nulla, non disse nulla.
Quando finalmente la bambina si rialzò, lui la cinse con un braccio, come il migliore degli amici, e ripresero la via di casa.
Non ci fu nessuna richiesta di baci, questa volta. Questo, magari, ti farà apprezzare molto Rudy.
Basta che non prendi me a calci nelle palle.
Ecco ciò che pensava lui, ma non lo disse a Liesel. Glielo confidò solo quattro anni dopo.
Per il momento, Rudy e Liesel percorrevano la Himmelstrasse sotto la pioggia, in silenzio.
Lui era lo svitato che si era dipinto di nero per battere tutto il mondo.
Lei, la ladra di libri senza parole.
Le parole, però, era già per strada, e presto Liesel le avrebbe strette fra le mani come nuvole, e strizzate come pioggia.

 Storia di una Ladra di Libri di Markus Zusak

 

Io non sono Mara Dyer

di

– E preferisco – continuò, percorrendo il mio braccio con un dito. – Ascoltare te.
– E io che suono ho? – gli chiesi, ansimando più di quanto avrei voluto. Dio, ero così prevedibile.
Ci pensò un momento prima di rispondere. – Dissonante – disse alla fine.
– Cioè?
Un’altra lunga pausa. – Instabile.
Ah.
Scosse il capo. – No, non nel senso che pensi tu – precisò con un’ombra di sorriso sulle labbra. – In musica gli accordi consonanti sono il punto di arrivo. La stabilità. Non c’è tensione – provò a spiegarmi – La maggior parte della musica pop è fatta di suoni consonanti, il che spiega perché piaccia alla maggior parte delle persone. Sono accattivanti, ma intercambiabili. Gli intervalli dissonanti, invece, sono pieni di tensioni – proseguì, guardandomi negli occhi – Non puoi prevedere che direzione prendono. Le persone di solito sono a disagio con questo genere di accordi, è frustrante non capirne il senso, e la gente odia quello che non capisce. Ma chi li capisce –  concluse sollevando una mano sul mio viso – li trova affascinanti. Bellissimi… . Tracciò i contorni delle mie labbra col pollice – Come te.

The Evolution of Mara Dyer (Io non sono Mara Dyer) – Michelle Hodkin